Blog

Vizi e virtù

Quando ho scoperto di essere incinta tra imprecazioni varie ho deciso di smettere di fumare. Dopo essermi fumata una decina di sigarette. Ho sognato sigarette in tutte le salse per alcuni mesi poi, mentre la pancia cresceva, la voglia di fumare diminuiva. Peccato che il primo desiderio dopo aver partorito è stato quello di fumarmi una sacrosanta sigaretta (e di bermi un  Mojito). Insomma, una volta smesso di allattare, ho ripreso a fumare. Meno di prima ma ho comunque ripreso.

E proprio fumando una sigaretta mi sono messa a pensare a tutte quelle abitudini, quei vizi che per me, con la gravidanza, sono cambiate.

L’abitudine di saltare il pranzo. Lavorando spesso di pomeriggio, era la colazione il mio pranzo. E quando facevo pranzo il mio pranzo era, al massimo, un panino. Ora il pranzo e la cena, per ovvie ragioni, cerco di farli a casa. Seduta al tavolo. E, niente, questa cosa mi fa sentire tanto vecchietta.

Fumare, appunto. Sono passata dall’avere il pacchetto di Marlboro Rosse nel risvolto della maglietta, all’essere una discreta e consapevole fumatrice di Camel. Light.

Prepararmi con cura prima di uscire. Era una buona abitudine, in effetti. E non correvo il rischio di essere scambiata per Courtney Love il mattino dopo.

Mettermi lo smalto. Anche questa era una buona abitudine e se non lo faccio più la colpa non è della maternità ma del Coinquilino che non ne sopporta l’odore.

Perdere tempo. Seduta sul divano, al bar, sotto al piumone, per strada, da sola, in compagnia e anche al lavoro. Perdere tempo in qualsiasi situazione che, francamente, è la cosa che mi manca di più. Insieme alla meravigliosa abitudine di ubriacarmi fino a perdere i sensi. Ma questo l’ho già abbondantemente ripetuto.

L’abitudine pessima di rimandare a domani le lavatrici che potrei fare oggi, però, quella è rimasta.

 

Precedenti Successivi

Potrebbe Interessarti:

19 Commenti

  • Rispondi Valentina Neri 30 Gennaio 2014 alle 14:59

    Io credo che,se io e te usciamo insieme…è un casino!!!!!

  • Rispondi anna 30 Gennaio 2014 alle 15:05

    …ohhhh perder tempo…ohhhhhhhh e lo smalto (e per il tuo stesso motivo)……..ohhhhhhhhhhh.sospiri di malinconia.ohhhhhh.che nostalgia canaglia. ok vado ad asciugarmi le lacrime. anna

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 31 Gennaio 2014 alle 12:14

      E, per non parlare di quella fantastica cosa che è poter decidere anche all’ultimo minuto di poter fare proprio quello che ci pare (e no quello che è meglio fare) 🙁

  • Rispondi serena 30 Gennaio 2014 alle 15:07

    Io l’unica cosa che ho smesso di fare è di andare in palestra. E ho detto tutto. ah no già anche di dormire bene.

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 31 Gennaio 2014 alle 12:14

      Ecco, l’unica cosa positiva è che ora ho la scusa per non andare in palestra. e nessuno può dirmi niente 🙂

  • Rispondi Lucia Malanotteno 30 Gennaio 2014 alle 15:40

    prova con il semipermanente… per le altre non ho grandi consigli!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 31 Gennaio 2014 alle 13:18

      dovrei trovare il tempo per andare dall’estetista. e ne avrei bisogno, eccome

  • Rispondi Silvana - Una mamma green 30 Gennaio 2014 alle 17:08

    Io per fortuna non fumavo. Perché non credo proprio che sarei riuscita a smettere, sai? Ho una forte inclinazione per le dipendenze patologiche… Guarda l’alcol: la vodka magari no, ma una birretta ogni tanto, o due dita di spumante, me le concedevo anche con la panza. Per il resto, mi mangio le unghie da quando avevo 6 anni e ho dei capelli che al confronto Courtney Love sembra una casalinga americana anni 50. Quindi diciamo che partivo “avvantaggiata” 🙂 Però quanto vorrei perdere tempo!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 31 Gennaio 2014 alle 13:21

      ti dico la verità: in gravidanza qualche sigaretta me la sono concessa (mentre sono stata attentissima durante l’allattamento). Però, sai che ti dico? ti dico che troppe privazioni fanno male. Di sicuro all’umore!

      • Rispondi Serena 31 Gennaio 2014 alle 16:59

        Io anche mentre allattavo. Pessimissima me.

  • Rispondi giuele 30 Gennaio 2014 alle 17:31

    Ciao!Ti sto leggendo da un pò….mi strapiaci!!! Mi piace quello che scrivi e come lo scrivi!
    Pure io sono mamma di una bambina molto desiderata, e …..matrigna di due bambini non proprio desiderati!!! 😉 ma questa è un’ altra storia…comunque, anche se la mia bimba l’ho desiderata tanto, alle volte mi mancano anche a me le cose che mancano a te, anche io sono una “pessima ” mamma alle volte, e anche io mi metto il rossetto sui kg che mi sono ancora rimasti dopo 4 anni dal parto….in questo tuo post mi ci ritrovo nel primo e nel penultimo punto in pieno!!!!…il perdere tempo era fantastico in effetti….

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 31 Gennaio 2014 alle 13:22

      quindi mi stai dicendo che non si torna a perdere tempo nemmeno dopo 4 anni? ommioddio.

      Grazie per le belle parole! E di leggermi.

  • Rispondi anna 31 Gennaio 2014 alle 14:41

    neppure dopo 4 anni???? ommmiodddio! sn due anni e mezzo che aspetto i 4 anni!help.fondiamo un gruppo di autoaiutoproperdertempo.anna

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 31 Gennaio 2014 alle 17:34

      ma quando c’avranno 15 anni sì, però? o nemmeno allora?

  • Rispondi Francesca 1 Febbraio 2014 alle 10:27

    Nonono, non ti preoccupare, ritroverai il tempo di fare tutto, ottimizzando i tempi! Come ti dicevo anche qua l’unico modo per cucinare spesso è facendolo con il miniassistente in piedi sulla sedia; man mano che cresce si intrattiene con un libro mentre ti trucchi davvero (e ti dirò, io mi trucco da poco e mi studio pure i tutorial) e non so che tirmi hai ma io ho scoperto il fascino della notte per mettermi lo smalto, farmi la doccia, preferisco dormre 6 h per notte ma andare a dormire soddisfatta per essermi presa cura di me, piuttosto che dormire di più, ma con le ascelle che puzzano e le unghie sfatte!
    Per l’estetista pure io sto ancora aspettando il momento e tra poco qua inizieremo di nuovo con le gonne senza calze!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 2 Febbraio 2014 alle 13:40

      Mi dai un po’ di speranza e oggi, che mi sono svegliata proprio male, ne ho davvero bisogno!

      Anch’io vorrei fare tutto la sera ma, mi dico, è troppo breve. Nel senso che se faccio la doccia non posso guardare un film, se metto lo smalto, non aggiorno il blog, se mi studio un tutorial per truccarmi e sentirmi bene il giorno dopo non riesco a sistemare la pila di vestiti sopra il letto. Oggi è così: No!

  • Rispondi elisaMammadiGnomo 1 Febbraio 2014 alle 22:20

    io non so se fosse un vizio o una virtù ma comunque non ce l’ho più.
    non sono più capace di perder tempo, di cazzeggiare.

    ho un minuto libero? prima mi sarei mollemente adagiata su una superficie morbida e avrei oziato. così, senza far niente. a volte fissando il vuoto.
    ora riempio quel minuto con le 800mila cose che mi vengono in mente di dover fare e che sento l’impellente bisogno di portare a compimento.
    di solito sono compiti gnomo-relativi ma comunque ci sono sempre.
    forse c’erano anche prima ma non avevo mai sentito questa urgenza di fare fare fare, non perdere tempo, non sprecare l’occasione di portarmi avanti con qualcosa.

    mi faccio tristezza da sola.

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 2 Febbraio 2014 alle 13:35

      è lo stesso per me. E oggi sto affogando nella mia tristezza. Spero passi presto!

    Lascia un Commento