Blog

Tornare a casa

ATTENZIONE: Questo post non va letto come una resa nei confronti della maternità né come un ammissione del sentimento di Nano missing provato in questi giorni durante i quali sono stata benizzzimo, sia chiaro.

Tornare a casa ora non è come prima.

Tornare a casa non è solo tristezza che ti strizza lo stomaco.

Tornare a casa non è solo lasciare indietro panorami che ti accarezzano gli occhi. E il cuore.

Tornare a casa non è solo stancarsi al pensiero di quello che sarà domani.

Tornare a casa non è solo la nostalgia di quello che abbiamo appena lasciato.

Tornare a casa è un abbraccio morbido e piccolo, stretto, stretto che ti dice mamma non mi lasciare più.

Sorrisi, bacetti, smorfie.

E una notte fatta di poche ore di sonno.

Precedenti Successivi

Potrebbe Interessarti:

10 Commenti

  • Rispondi elisaMammadiGnomo 6 Maggio 2014 alle 18:57

    Sei una mamma dolce dolce. Non so a che punto della tua vita sia arrivato il Nano ma a me pare sia arrivato al momento in cui eri proprio pronta a fare la mamma. (Cosí, mi pare eh)

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 6 Maggio 2014 alle 19:01

      La tua è una visione distorta della faccenda: è chiaro!

      🙂

  • Rispondi Silvana - Una mamma green 7 Maggio 2014 alle 9:54

    Ricordo di aver pensato le stesse cose la prima volta che sono tornata a casa da un viaggio e ad aspettarmi c’era… il gatto. Sono malata, lo so.
    PS. bentornata 🙂

  • Rispondi Lorenza 7 Maggio 2014 alle 10:12

    io sono stata più vicina, per meno tempo (Roma 1 notte) ma capisco e condivido.
    condivido anche le poche ore di sonno, nel mio caso si parla di 2 notti di fila in cui rospo vuol dormire con noi nel lettone.

    quegli abbracci, quelli che dicono “non mi lasciare più” sono il sale della vita, oggi lo so.

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 7 Maggio 2014 alle 11:09

      certo che, però, anche un po’ di relax da sola (sola e non soli, bada bene) male non fa

  • Rispondi rossana 7 Maggio 2014 alle 14:34

    A me capiterà prossimamente. Sono in fase di organizzazione ma a quanto leggo male non fa per cui mi tranquillizzo.

  • Rispondi Francesca 8 Maggio 2014 alle 13:32

    Io ho appena lasciato mio figlio 5 giorni per andare via con mio marito.
    In quattro anni è la prima volta che stava senza me così tanto, per ora eravamo fermi a una notte una volta a settimana da quando ha 3 mesi.
    Fa bene a tutti. A noi genitori e a loro figli.
    A noi perché impariamo di nuovo ad amarci come coppia, a loro perché imparano ad avere altri affetti e imparano che il punto saldo della mamma resta sempre.
    E trovarsi di nuovo è dolce

  • Lascia un Commento