Blog

Quindici cose che mio figlio fa (a quattro anni)

1. Cambia repentinamente umore. Passando da: “Mamma vai via, voglio stare da solo” a “Mamma io voglio stare sempre con te, tutti i giorni” che nemmeno io in sindrome premestruale.2. Ripete le parole nuove. Quelle che non aveva mai sentito prima, sottovoce, tre, quattro, sei, dieci volte dopo avermi chiesto il significato quasi come se le volesse imparare più velocemente possibile.

3. Utilizza gli intercalari cacca, puzza, culo in ogni frase. Almeno un paio di volte a frase.

4. Fa un utilizzo del divano esclusivo e da vero despota. Come se quello al divano fosse un suo diritto acquisito alla nascita e, contemporaneamente, perso per ogni altro componente della casa.

5. Fa il medesimo utilizzo anche del telecomando. E del palinsesto televisivo.

6. Tenta, in questo caso con successi alterni, di fare lo stesso utilizzo anche della radio, in macchina. Lo fa anche se io ho provato a chiarire più volte che ci ho messo 18 anni e una bocciatura all’esame teorico della patente per acquisirlo il diritto di scegliere che musica ascoltare mentre guido e non ho intenzione di cederlo con facilità.

7. Vuole vincere ad ogni costo. Cosa che mi torna utile quando non ne posso più di sentirlo parlare e propongo il sempreverde gioco del silenzio.

8. Parla ininterrottamente, facendo domande analitiche su qualsiasi cosa io dica o faccia. Quando smette di parlare solitamente inizia a cantare.

9. Lotta con i mostri. Visibili solo a lui ma sempre presenti sia in casa che fuori, per salvare il mondo dal male.

10. Non mi ascolta quando parlo. Specialmente se è impegnato a guardare la tv.

11. È di base intenzionato ad ottenere quello che chiede e per farlo è disposto a tutto. Le due tecniche che vanno per la maggiore dai noi sono quella dello sfinimento e, non seconda, quella di cambiare interlocutore al quale sottoporre la medesima richiesta dopo aver ricevuto un sonoro no.

12.(Continua) ad intenerirmi. Facendo(mi) gli occhi dolci e dicendo(mi) frasi paraluce che contengono dichiarazioni d’amore sparse.

13. Dorme con me, nel mio letto. Si addormenta tardi la sera e si risveglia ancora più tardi il mattino.

14. Ciondola per casa annoiato. E mi chiede quand’è che ricomincia la scuola traducendo in parole quello che è il mio pensiero più costante di questi giorni.

15. Guarda ai cinque anni come ad un traguardo. Intimamente convinto del fatto che quando compirà cinque anni sarà grande.

Precedenti Successivi

Potrebbe Interessarti:

Nessun Commento

Lascia un Commento