Blog

Quello che ci hanno detto sull’amore materno

Tipo che ci si innamora del proprio figlio al proprio sguardo, che basta averlo in braccio per capire il senso di tutto, ma anche che basta vederlo per sentirsi realizzate.

Che la prima volta che lo lasci ai nonni per “farti una serata” ti mancherà tremendamente e che non riuscirai a goderti quasi niente lontana da lui.

Che l’allattamento, anche quello, quando ti ci trovi è tutto così naturale. Che il sonno, la stanchezza, il mal di schiena passano in secondo piano davanti ai suoi occhietti vispi e ai suo sorrisi sdentati.

Che le rinunce non sono poi così tremende, che il senso di tutto ora non lo capisci ma quando lo terrai in braccio per la prima volta tutto sarà chiaro.

Ci hanno detto che una mamma sa sempre qual è la cosa giusta, che lei lo sente e, vedrai, sarà così anche per te.

Che tutto passa e che quei primi momenti ci mancheranno come l’aria. Ci hanno detto anche che il pancione di sette mese ci mancherà.

Bene, ci hanno detto un sacco di stronzate. Ma questo lo scopriremo solo molto dopo.

Più o meno proprio quando scopriremo anche che vederlo scendere dal letto e correre verso di noi con un piedino scalzo ci riempirà di una tenerezza mai provata prima. Quel piedino scalzo una irrefrenabile voglia di abbracciarlo stretto e non lasciarlo più.

E questo nessuno ce lo aveva detto!

Precedenti Successivi

Potrebbe Interessarti:

31 Commenti

  • Rispondi cate 4 Dicembre 2014 alle 10:48

    Mi avevano detto che una mamma capisce, sempre, la strana lingua del figlio quando inizia a parlare, meglio di google translator!! Mio figlio ha 17 mesi, sono interprete di professione….non capisco una parola di quello che dice. La nonna capisce tutto. E pure la tata. E secondo me pure il cane.

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 4 Dicembre 2014 alle 10:52

      Beh, guarda, mio figlio ne ha venti di mese e non dice proprio una parola. Così mi tocca tradurre urletti e gesti. Quanta fatica…

  • Rispondi marghe 4 Dicembre 2014 alle 11:06

    ce l’hanno detto perchè di sicuro per qualcuna è vero, ma trovo sbagliatissimo metter regole, è tutto molto diverso per ognuna di noi!
    evviva i momenti di scioglievole tenerezza, tipo i bacini stropicciati del mattino 🙂

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 4 Dicembre 2014 alle 15:19

      Di sicuro è vero. Ma ero tutta concentrata ad aspettarmi le farfalle nello stomaco e le farfalle in testa che sono rimasta tremendamente delusa!

  • Rispondi Lorenza 4 Dicembre 2014 alle 11:19

    Hai scritto una cosa bellissima Lucrezia. È vero, ci riempiono la testa di dubbi tentando di rassicurarci, e quando ti ci ritrovi in prima persona le bestemmie sono assicurate.. Però è vero che ogni mamma ha un suo momento in cui la tenerezza è a mille. È diverso per ognuna di noi ed è meraviglioso sentire il tuo, di momento.
    Nonostante tu ti senta e ti veda una pessima madre (vedi post precedente) io credo che tu stia facendo un ottimo lavoro!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 4 Dicembre 2014 alle 15:19

      Grazie cara, tu sei troppo buona con me.

      (qual è il tuo momento di tenerezza “a mille”?)

  • Rispondi ElisaMammadiGnomo 4 Dicembre 2014 alle 11:35

    Non so, io ogni tanto lo guardo e penso: bello eh, ma chi cacchio è sto qua?
    Mio marito dice che non è bello dirlo o pensarlo ma a me capita lo stesso.
    E quando mi viene incontro con un calzetto sí e uno no, penso: dove diavolo avrà infilato l’altro? Quanto ci vuole prima che gli venga di nuovo raffreddore?
    So’ poco romantica, lo so.

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 4 Dicembre 2014 alle 15:30

      Poco romantica pure io… però quel piedino ciccioso, salsicciosa, dai, è troppo tenero!

  • Rispondi alessandra 4 Dicembre 2014 alle 12:11

    mi sembra il riassunto del mio inutilissimo corso preparto che se tornassi indietro impiegherei il tempo in qualcosa di socialmente più utile, tipo un’ora in piscina, un po’ di riposo, un po’ di shopping…
    un castello di sabbia crollato appena ho visto mio figlio!altro che amore a prima vista…Lo chiamerei piuttosto Panico a prima vista! 😉

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 4 Dicembre 2014 alle 15:30

      Non parliamo dei corsi preparto. Inutili che più inutile non si puà. E sì che un po’ di shopping c’avrebbe fatto decisamente meglio, almeno a livello di relax

  • Rispondi anna 4 Dicembre 2014 alle 12:20

    Mi avevano detto che: bambini piccoli problemi piccoli, bambini grandi problemi grandi, e che mi sarebbero mancati i “problemi” da neonato… il mio ha tre anni e mezzo, ma i pianti da neonato non mi mancano per niente, quando ha inziato a farsi capire, abbastanza presto, devo dire, ho acceso un cero alla Madonna. ( e no le rare volte che riesco a fare mezza serata per i fatti miei, e intendo mezza perchè suo padre di lasciarloi a dormire fuori non ci sente, non mi manca e non mi sento in colpa, anzi me la godo proprio! non suo padre invece che, sencondo me dovevo essere il il genitore maschio e lui quello femmina, con la differenza però che la notte in bianco per la tosse la faccio io, lui dorme!) Anna

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 4 Dicembre 2014 alle 17:40

      ‘sti padri. Ma che c’avranno mai. Secondo me è il fatto che non hanno partorito loro, per questo sono così attaccati ai loro nani 🙂

  • Rispondi Bulmers 4 Dicembre 2014 alle 12:52

    questo è da applauso:
    “Bene, ci hanno detto un sacco di stronzate. Ma questo lo scopriremo solo molto dopo.”

    io vorrei ammazzare tutti quelli che, nei primi momenti di panico, mi hanno detto: “segui l’istinto”… ma quale istinto???!!!!!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 4 Dicembre 2014 alle 15:18

      Eh, già. Sai però che una piccola verità sull’istinto c’è: io mi accorgo quando si sta per ammalare prima degli altri. E solitamente tutti mi danno della rompicoglioni

      • Rispondi Bulmers 5 Dicembre 2014 alle 10:36

        Questo è successo anche a me… il primo mese e mezzo ho detto a tutti che c’era qualcosa che non andava, ma tutti a dirmi che ero paranoica e rompiballe (purtroppo avevo ragione io 🙁 )

        • Rispondi Bulmers 5 Dicembre 2014 alle 10:38

          Avremo un istinto materno limitato :-/

        • Ceraunavodka
          Rispondi Ceraunavodka 5 Dicembre 2014 alle 15:50

          Però mi auguro che ora stia andando meglio

  • Rispondi vale 4 Dicembre 2014 alle 14:25

    io primi sei mesi non li rimpiango proprio per niente, tra coliche, allattamento a qualsiasi ora e un sonno della madonna…ora invece, a 20 mesi, me la godo tantissimo e mi fa tremendamente ridere! e cmq anche io dopo 1 ora di gioco sul tappetone mi annoio…non sei strana 🙂

  • Rispondi Chiara 4 Dicembre 2014 alle 20:36

    Stamattina alle 5 la piccola peste saltava sul letto sveglia come un grillo… Il papà continuava a ridere e ripetere guarda che tenera… io continuavo a pensare che premendogli un cuscino sulla faccia sarei potuta tornare a dormire… è ufficiale: sono una pessima madre!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 8 Dicembre 2014 alle 22:29

      Benvenuta tra di noi. E sì, ti capisco. Benissimo aimé

  • Rispondi Lorenza 4 Dicembre 2014 alle 21:55

    Il mio momento di tenerezza a mille? Quando mi butta le braccia al collo e poi con la manina stringe come per farmi una carezza. Per quel gesto potrei dargli anche la luna. Peccato che poi come ieri l’attimo dopo mi prende a ceffoni 🙁

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 8 Dicembre 2014 alle 22:23

      è proprio molto diffusa questa cosa, tranquilla (sia il fatto che ci sciogliamo che alternano baci a ceffoni)

  • Rispondi Alessandra 5 Dicembre 2014 alle 1:01

    La prima volta che mi hanno messo in grembo mio figlio ho pensato “ehm ma è grigio”… Ora è rosa ma la sensazione di estraneità rimane. E ieri sera al ritorno da una serata di prove col suo gruppo mio marito mi chiede “tutto bene?” E la risposta è stata “no! Mi sono rotta le balle… 4 ore sul divano a massaggiargli il pancino!” Sono una pessima mamma, lo so… ma non ci vedo nessuna poesia nello stare a casa da sola a rimettere in bocca il ciuccio per 4 ore di fila 🙁

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 8 Dicembre 2014 alle 22:32

      Da quello che racconti mi sa che il tuo bimbo è davvero piccolino. Ti assicuro che un po’ le cose miglioreranno, un po’ eh, ma quel po’ che aiuta 🙂

  • Rispondi Marta _ Stikets 5 Dicembre 2014 alle 10:25

    Grandi verità…come le famose farfalle quando si muoveva nella pancia: io all’inizio pensavo che fosse aria nell’intestino!!
    Il mio adesso ha quasi 5 anni ed io esco con le amiche, torno tardi e il giorno dopo sono una mamma lenta però rilassata!!
    L’amore ogni giorno cresce di più…è come una piantina che mette foglie. Invece appena nati, e mi spiace che nessuno ve lo abbia detto (l’ostetrica del mio corso di pre-parto sì che ci aveva avvisato…meno male!!), sono dei perfetti sconosciuti che non parlano la nostra lingua e che nemmeno sanno chi siamo!!
    L’importante è ricordarsi che oltre che mamme, continuiamo ad essere donne normali e reali!!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 8 Dicembre 2014 alle 22:41

      Già, solo che non è sempre così semplice ricordarselo. Né pensare che sia normale percepire il proprio figlio come uno sconosciuto. Per fortuna, ogni tanto, arriva qualcuno, che ci fa sentire un po’ meno cadute dalle nuvole 🙂

  • Rispondi Cherry tree 12 Dicembre 2014 alle 14:45

    Sante parole, sopratutto le prima… ho scritto post e post sul fatto che non amavo quel cosetto piangente sentendomi una mamma degenere…e che l’allattamento non era un momento di fusione e completezza…o peggio ancora che non mi manca per niente il pancione.
    Certo siamo tutte diverse, c’è a chi quei 15 kg in più mancano eccome.
    Ma a me no e comunque ora come ora so che non è un problema. Sono una brava mamma per altri motivi.
    Ecco.

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 12 Dicembre 2014 alle 15:45

      Lo so, ma ci vuole tempo per capirlo. E all’inizio è davvero difficile riuscirci

  • Rispondi Chicca 12 Maggio 2016 alle 15:24

    Vi amo!!!

  • Lascia un Commento