Blog

Perché la mamma deve lavorare?

Ho sempre pensato che per una donna fosse sacrosanto lavorare. Anche dopo la nascita di Pit. Soprattutto dopo la nascita di Pit. Nel frattempo sono diventata freelance, mantenendo però anche un lavoro di redazione, prima part time, poi full time. Il lunedì spesso mi è sembrato un miraggio. Poi una condanna. Poi di nuovo l’oasi di pace.Pietro è un bambino come tanti, un bambino che ha una mamma che lo lascia all’asilo, quando può lo va a prendere all’ora di pranzo e lo porta dai nonni. Poi lo saluta di nuovo. Fino all’ora di cena.

Non lo lascio a cuor leggero, non sempre almeno. So che lui sta bene dove sta, con i nonni, spesso con il babbo. Ma so anche che per lui non passare la giornata con me è una cosa normale, la sua normalità è addormentarsi con la nonna, chiedere a lei la merenda, giocare, conoscere e scoprire senza di me.

È giusto così, mi dico, anche perché non sarei in grado di rinunciare alla mia ambizione. Però poi, un giorno, vai a prenderlo all’asilo e la maestra ti dice che, mentre lo stava cambiando, lui le ha chiesto: “Pecché la mamma deve lavolale?“. Sì, così, con la l al posto della r. Come se ci stesse rimuginando da giorni.

A lei.

Invece che a me.

E mi viene il magone.

 

Precedenti Successivi

Potrebbe Interessarti:

6 Commenti

  • Rispondi Irene-LavoroDaMamme 19 Novembre 2015 alle 18:29

    Ti capisco! Matteo (stessa età di Pit) quando vede che mi avvicino alla porta di casa (anche solo per chiudere a chiave alla sera, prima di avviare le pratiche della nanna) dice sempre “Mamma va via. Va in ufficio?”. Anche lui al pomeriggio sta coi nonni, ma quando si sveglia chiede sempre “Mamma dov’è? Dopo tonna dall’ufficio?”. Eh, bella l’autonomia che mi dà il lavoro, ma a volte questa indipendenza mi fa male proprio qui, sotto il petto…mi abituerò mai?

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 20 Novembre 2015 alle 10:01

      Eh, bo. Me lo chiedo anch’io. Credo che le cose miglioreranno quando inizieremo a vederli un po’ più grandi. E autonomi.

  • Rispondi Lucia 20 Novembre 2015 alle 7:28

    Posso capire, ma pensa che i bambini chiedono il perché di tutto, pure di cose per noi ovvie.
    Per consolarti: il mio grande mi ci vuole mandare al lavoro! Se per caso deve stare con uno dei due, al padre dice ‘Dai mandiamo mamma al lavoro’. Io direi che è peggio, no?

  • Rispondi Mammarch 26 Novembre 2015 alle 15:54

    Capisco. Pure io, da 6 mesi tornata a lavoro, ogni tanto mi viene voglia di tornarmene a casa e portare la mia piccolina al parco, proprio perché ho visto con la grande come passano in fretta questi anni speciali in cui noi mamme siamo davvero la cosa più importante!!!
    Per fortuna ho due pomeriggi liberi a settimana ed il week end per compensare 😉

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 26 Novembre 2015 alle 16:40

      Già, il weekend. Credo che sarà la mia più grande ragione di sopravvivenza 🙂

    Lascia un Commento