Blog

Le vacanze intelligenti / seconda (ed ultima) parte

Mi sono fatta prendere la mano, la verità è questa. Dopo essere sopravvissuta, e non solo io ma proprio tutta l’intera famiglia, all’esperienza siciliana che tanto temevo ho deciso di ripassare dal via giusto il tempo di fare tre lavatrici in 36 ore e di ripartire per andare di nuovo, udite udite, al mare.

Sei de coccio, allora direte voi, ma l’occasione era troppo ghiotta per rifiutare.

Casa offerta gentilmente da una mia carissima super amica a due passi, due letteralmente, dal mare e a mezz’ora da casa dei miei. Occasione talmente ghiotta che alla fine mi sono convinta che sarebbero stati dei giorni così rilassanti che no, proprio no, non potevamo non andare.

foto 2 copiaa due  passi dal mare, appunto

foto 3 copia

 

Il problema è che – e ci ho provato, eh- a me il mare stressa. Ora, se il mare riuscite a nascondermelo dietro a qualche bella località balneare dove c’è tanto da vedere e ancor più da fare io, che non sono poi così tanto sveglia, ci casco e di quel posto magari me ne innamoro pure, ma se mi portate dove ci sono solo sassi, negozi e famiglie a spasso con almeno due figli per mano io no, non ce la posso fare.

foto 3

foto 1

foto 5

 

Credo che sostanzialmente Pit abbia solo risentito di questo mio sconforto nel dovermi arrendere alla vacanza “per famiglie”, fatto sta che è stato iperattivo, nervoso ed eccitato per tutto il tempo. Che poi alla fine siamo stati bene, eh. Porto Recanati ne ha fatta di strada in fatto di riqualificazione e bei negozi da quand’ero piccola ad oggi. Ma il temporale a metà settimana non mi è affatto dispiaciuto e nemmeno la decisione solenne del Coinquilino di ripartire a Ferragosto perché almeno non c’è traffico.

Solo che, vogliatemi bene lo stesso, io alle serate passate col piano bar in sottofondo non sono ancora pronta!

 

Precedenti Successivi

Potrebbe Interessarti:

8 Commenti

  • Rispondi Silvia 26 Agosto 2014 alle 15:19

    Ti capisco benissimo mia cara, io abituata a 4500 km in 12 giorni per i parchi americani è due anni che per una settimana mi tuffo in quel della Romagna.
    L’unica differenza? Una sola settimana ma rigorosamente in albergo, dove mi preparano colazione pranzo e cena e dove hanno tutto quello che serve per far stancare per bene il nano che la sera crolla devastato alle nove.
    Io per quella settimana mi rilasso….
    In compenso sto già pensando ad una bella settimana in giro per Berlino o Madrid con nano a seguito….

  • Rispondi lucreziapericolleghi 26 Agosto 2014 alle 16:04

    Condivido assolutamente. Una settimana in Slovenia, con Godzilla 19mesenne in braccio durante tutte le escursioni fatte (il marsupio zainetto lo odia), a correre per parchi e tra giostre e tappeti elastici, è stata meno stancante di 3 giorni al mare……e c’è di fondo che il mare, in qualunque modo venga vissuto, a me ha sempre annoiato da morire….

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 26 Agosto 2014 alle 16:20

      già, il punto è proprio quello infatti.

      Bella la Slovenia. Immagino sarete stati benissimo!

  • Rispondi marymamma 26 Agosto 2014 alle 16:44

    ooohhh!!!! finalmente qualcuno che non mi fa sentire aliena!!!!!! anche per me il mare è uno stress allucinante!!!!! pensate che io al mare ci abito!!e quest’anno poichè c’è ilk topo abbiamo preso anche in affitto sdraio e ombrellone!!!! in 3 mesi per andarci 3 volte!!! e non vi dico quelle tre volte!! un tritume!! neanche ti togli la maglietta e già devi correre al pupo che pensa di essere un nuotatore padrone del mondo, ma che in realtà cammina da 20gg!! altro che relax!..altro che sdraio! devi sta solo attenta che non si mangi tutte le pietre della spiaggia! ( ebbene si!) ….altro che tintarella:O

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 26 Agosto 2014 alle 16:55

      Pit è riuscito anche a gattonare sui sassi pur di scappare. Ti ho detto tutto!!

  • Rispondi anto79 2 Settembre 2014 alle 0:08

    il pianobar in sottofondo..?!? ma magari..almeno potevo star seduta! per noi le serate al mare fanno rima con baby dance e giostrine. Volevo bere per dimenticare ma poi in bici sarei stata un pericolo..

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 2 Settembre 2014 alle 15:02

      arriverà anche per me quel momento. e io lo temo tanto, tantissimo, ancor di più

    Lascia un Commento