Blog

La verità, vi svelo, sulla libertà

Volevo scrivere un post sugli automatismi tipici delle mamme, quelle azioni materne involontarie, cioè, che una madre compie in automatico anche quando suo figlio non c’è.Tipo perché è al mare con i nonni.

Ecco, era un post che avevo salvato tra le bozze da diversi giorni. Un post che raccontava del fatto che, anche se tuo figlio è lontano tu, madre, continuerai ad allungare la mano per cercarlo. Del fatto che di notte ti sveglierai di soprassalto per controllarlo, del fatto che continuerai a cucinare per tre invece che per due.

Stronzate. La verità, amiche mie, è che sì, ci vogliono un paio di giorni per abituarsi, per frenare, per respirare. Ma poi, poi è come se non fosse passato neanche un giorno. Come se non aveste mai smesso di far caciara e di andare per locali. Come se tirar tardi fosse la vostra missione di sempre e rotolarvi sul letto fino all’ultimo minuto utile, l’unica via possibile. Come se cucinare, pulire, sistemare fossero faccende che non vi hanno mai riguardate.

La verità è che alla libertà ci si abitua con una facilità impressionante. E che di tornare a fare la mamma ho poca voglia.

Di spupazzarmelo un po’ e di sbaciucchiarlo tutto, però, ne ho da vendere.

Precedenti Successivi

Potrebbe Interessarti:

17 Commenti

  • Rispondi Fabiola 8 Giugno 2015 alle 12:06

    Allora, due giorni per ritrovare quella sensazione di leggerezza, spensieratezza…etc etc?
    Mai avuto modo di sperimentare ma ti credo sulla parola ;-D
    Quanto poi per ritornare nel regime mamma full time?
    Un abbraccio e buon divertimento <3

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 8 Giugno 2015 alle 12:13

      Ci vorrà un po’ di sicuro, ma va bene così. Perché se è vero che bastano due giorni, è pur vero che quella vita lì non mi appartiene più. Va benissimo come parentesi, però 🙂

  • Rispondi anna 8 Giugno 2015 alle 12:13

    Brava goditela tutta (e poi dai sfogo alla tua voglia di baciarlo). Cmq a me basta un pranzo con le amiche x abituarmi alla libertà. Lo so sn Pessima. Ora arriverà la cazziatrice folle a rimastare nei sensi di colpa e a dire che sm ingrate. Vabbè. Anna

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 8 Giugno 2015 alle 12:18

      Pazienza. Pensa a me quante potranno dirne dopo ‘sto post qua

  • Rispondi Mammachestorie 8 Giugno 2015 alle 18:33

    Io trovo che sia un post molto onesto e sincero. E che prendersi degli spazi per sé sia molto sano. Che sia un pranzo, un week end o una settimana, credo che sia importante riappropriarsi del proprio tempo e della propria libertà, per un po’. Per poi tornare a sbaciucchiare i figli, ancora più di prima.

  • Rispondi serena 9 Giugno 2015 alle 10:53

    trovo anche io le tue parole molto sincere…..anche io a volte “non ho proprio voglia di fare la mamma” e allora? saremo imperfette…saremo pessime….saremo stronze ma io alla favola della mamma perfetta al 100 % non ci credo proprio

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 10 Giugno 2015 alle 12:26

      sì, un po’ stronza mi ci sento ma, direbbe il mio capo, tant’è 🙂

  • Rispondi Mammarch 9 Giugno 2015 alle 15:38

    7 giorni in Grecia, da soli, dopo quasi sei anni con 1 e poi 2 figlie, a parte qualche fugace weekend a due. Il primo giorno mi sembrava mi mancassero le braccia, dal secondo giorno ho scoperto che posso ancora avere 34 anni e non essere sempre ko come mi nonna!!! W la libertà a tempo determinato 😉

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 10 Giugno 2015 alle 12:27

      esatto, possiamo ancora avere trent’anni. il problema sono le pause tra una fuga e l’altra 🙂

  • Rispondi Alessandra 9 Giugno 2015 alle 21:11

    Sei il mio mito. Sono una mamma-no e più passa il tempo più è difficile immaginarmi madre. Zia o ziastra, forse 😉

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 10 Giugno 2015 alle 12:28

      No, daiBeh, se te la devo dire proprio tutta come zia ero ancor più pessima che come mamma

  • Rispondi F. 25 Giugno 2015 alle 15:07

    io ti odio perché già assaporavo la libertà (cene, expo, aperitivi, lunghe ore di sonno filate) grazie alla spedizione estiva con nonni e poi la sera prima di partire Pietro si è beccato la mani piedi bocca di sto ca…o.

    IO SONO LA PALADINA DELLE SFIGATE.

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 25 Giugno 2015 alle 19:18

      porca vacca però. ti sono vicina, davvero. ti abbraccio forte e evito di dirti che ti rifarai presto.

      • Rispondi F. 26 Giugno 2015 alle 12:47

        forse (il condizionale è d’obbligo) mi rifaccio….domenica pietro e papà partono per la sardegna e la mamma rimane a casa per lavorare 🙂

        ps: info tecnica, ma come faccio a ricevere le notifiche di risposta a un commento?si può?

        • Ceraunavodka
          Rispondi Ceraunavodka 26 Giugno 2015 alle 15:31

          Che gran bella cosa il lavoro 😉

          p.s. mica lo so :O

    Lascia un Commento