Blog

E ora non ditemi che è normale

La gente non mi chiede altro. Da lunedì scorso le uniche domande riguardano l’inserimento al nido.

Io faccio la vaga. Ho pure tagliato i capelli per sviare il discorso e, oh, ce ne fosse stato uno che mi abbia detto qualcosa al riguardo.

Faccio finta di niente, sussurro vedremo e mi accendo una sigaretta. Oppure inizio a parlare degli stivali che ho appena acquistato. Li ho presi da Zara e sì, lo so, che da Zara al massimo ti puoi comprare un paio di sandali flou da mettere tre volte perché alla quarta hanno già la suola bucata ma, che vi dico, sono gli unici stivali che mi sono piaciuti proprio tanto. Rigidi sulla gamba, color testa di moro, con delle fibbie sul tallone che li rendono sportivoni come piacciono a me.

Poi, magari, vi parlerò anche della loro resa.

Dicevamo? Ah, sì, l’asilo. Che volete che vi dica? L’inserimento è andato alla grande. Pietro non sembra minimamente toccato dalla faccenda se non per il sonno col quale me lo riprendo. Intanto le maestre sono basite e io, ogni volta che lo vado a riprendere e lo vedo piangere, attaccarsi come una cozza a qualsiasi gioco ad un passo da lui e divincolarsi quando lo abbraccio, mi ripeto che è più che evidente che c’è qualcosa che non va.

Sicuramente più d’una che non mi torna.

stivalibelli so’ belli, non trovate?

Precedenti Successivi

Potrebbe Interessarti:

23 Commenti

  • Rispondi margherita 16 Settembre 2014 alle 13:00

    Sono bellissimi! Domani inizio l’inserimento del mio nano, e tutta questa frenesia ha portato mia suocera a non parlare di catechismo precoce (che ovviamente non fara’ mai), spero di riprenderlo stanco e sonnolento come il tuo … Cmq non ci ho capito molto … Tra qualche mese arriva il fratellino … E il tema dell’inserimento vince anche su questo… Sto cercando degli stivali anche io, li vorrei bellissimi neri, larghi … Li trovero’!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 17 Settembre 2014 alle 23:45

      Da Zara ci sono bellini anche neri. Guarda io pensavo di avere le idee così chiare prima di iniziare e invece (quasi) tutta la teoria, una volta che la applichiamo su ‘sti nanetti, si rivela fasulla. O almeno così mi sembra

  • Rispondi malanotteno 16 Settembre 2014 alle 13:10

    Ehehehe.. come ti capisco!!!!
    Il mio? Uguale! Ma proprio uguale, che già dall’inserimento mi cacciava! E ti dirò: ha continuato così per due anni, e ancora oggi che va alla materna ci vuole un quarto d’ora per portarlo via, perchè ha sempre qualcosa da fare più importante che abbracciare mamma sua. Ci saranno dei momenti di panico, eh, non ti illudere! Dei mesi in cui la mattina improvvisamente inizierà a piangere e tu lì a farti seghe mentali su che potrà essere successo a scuola. E poi passeranno e ricomincerà ad andare stra volentieri.
    Non so tu, ma io finito il liceo gli farò presente che se era tanto autonomo da pupetto, ora può pure farcela da sè. Farà la cozza tardiva???

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 18 Settembre 2014 alle 9:36

      Io quei momenti di panico li temo tanto. Temo che vedendolo disperarsi mi rivelerò una pappamolle e non riuscirò a portarlo al nido. Io, comunque, penso che glielo ricorderò anche prima del liceo, tipo quando pretenderà che io gli svuoti il sacco del calcetto.

  • Rispondi Silvana - Una mamma green 16 Settembre 2014 alle 13:36

    Il problema è sempre lo stesso. Siamo noi a sentirci in ogni caso inadeguate. Nostro figlio piange come un disperato durante l’inserimento? Allora giù a pensare di aver sbagliato tutto, di averlo reso troppo “mammone” e dipendente. Nostro figlio prende bene la novità, o addirittura sembra preferire l’asilo a casa sua? Via coi dubbi (“Ma come? Non preferisce sua madre?”). Comunque vada, siamo noi sotto (auto)processo.

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 18 Settembre 2014 alle 9:34

      E come ci si salva da questa situazione? chiaramente è una domanda retorica!

  • Rispondi Valentina 16 Settembre 2014 alle 13:42

    VAI TRANQUILLA!

    • Rispondi Valentina 16 Settembre 2014 alle 13:45

      ops, ho fatto invio… dicevo, vai tranquilla, anche la mia fa così, tutte le volte che la vado a prendere e lei è inserita dai 6 mesi… vuol dire che ti dà per scontata, che sentirselo dire non è tutta questa gioia, nè, ma se ci rifletti bene vuol dire che è molto sicuro del tuo affetto e della tua presenza e sa che tu ci sei e torni. quindi può permettersi di “tirarla in lungo”.
      rincuorati che ancora non ti accolga con “ma non c’è papà? e la nonna?”

      • Ceraunavodka
        Rispondi Ceraunavodka 17 Settembre 2014 alle 23:29

        Oggi ha visto me e iniziato a chiamare: “Babbuuu”. Fa te!

  • Rispondi mumblemum 16 Settembre 2014 alle 14:07

    Dai Lucrezia, VA TUTTO BENE.
    Ora tornando al nuovo taglio di capelli, foto?

  • Rispondi Lorenza 17 Settembre 2014 alle 8:12

    Ciao donna che ti sei tagliata i capelli, mostraceli ‘sti capelli! Gli stivali sono molto belli si si!

    Ps. Pietro è semplicemente felice e si trova bene al nido! Vedrai che dopo un po’ ti fa anche le feste quando lo vai a riprendere.. adesso ha la novità che lo entusiasma!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 17 Settembre 2014 alle 23:28

      I capelli li hai visti. Lascia sta che già mi sono pentita.

      Crescono dicono. Sigh, sob

  • Rispondi Francesca 17 Settembre 2014 alle 8:42

    Gli stivali sono stupendi!!! Ora che ho un lavoro penso che andrò a farmi un giro da zara e li provo, quanto costano?

    Chi se ne frega dell’inserimento 🙂
    (Però consolati, se tuo figlio reagisce così è perché l’ambiente è affettivo e perché tu gli hai dato la sicurezza di sapere che lo ami anche se non ci sei! Non vuol dire che chi piange è insicuro di essere amato dalla mamma, dipende anche dal carattere individuale. Mio figlio piangeva come un disperato quando andavo via, poi però piangeva come un disperato quando andavo a prenderlo perché voleva rimanere li.. ecco, abbiamo fatto un buon lavoro di mamme e le maestre sono valide!)

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 17 Settembre 2014 alle 23:27

      Gli stivali costano un centinaio di euro ma sono di pelle. E penso che li sfrutterò un bel po’. A me continuano a sembrare un po’ lasciati a loro stessi ‘sti figli all’asilo, ma tengo duro e continuo ad osservare attenta.

  • Rispondi anna 17 Settembre 2014 alle 15:29

    mio figlio ha inziato scuola materna. non mi chiedono altro. belli gli stivali, ma con il mio polpaccio da calciatore non mi entrerebbero. e con i capelli così sei troppo gnocca. anna

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 17 Settembre 2014 alle 23:24

      Guarda anch’io ho un polpaccio tutt’altro che invidiabile però ti assicuro che si allargano. E se entrano a me puoi stare tranquilla!

  • Rispondi marymamma 18 Settembre 2014 alle 17:45

    e bravo al tuo pupo!!!! a me il primo mese è andato gioioso poi ha iniziato a piangere…tutt’ora! mammina mammina!! ma poi gli passa!
    ……..che noia quelli che ti parlano solo di nido e bimbi…ma cavoli esiste anche altro no?!?baciiiiii!!!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 19 Settembre 2014 alle 10:21

      Guarda io sono traumatizzata dalla sua febbre dopo neanche due settimane d’asilo. Ci sto ripensando. Seriamente ripensando.

  • Rispondi Marymamma 18 Settembre 2014 alle 22:22

    …lo schizzo scemo di tagliarsi i capelli prese anche a me!.. Erano lunghissimi! E poi…zak! 2cm! I primi mesi mi piacevano..ma ora a distanza di un anno..che horror! Taglio insignificante ingestibile!….solo l’extencion poteva salvarmi! :D! FATTO! Wow! Ora magicamente lunghi lunghi! …..quanto sto esaurita!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 19 Settembre 2014 alle 10:17

      a me le extencion mi mettono l’ansia. cioè la sensazione di avere capelli non miei, non lo so.

      Comunque sono passati tre giorni e già mi sono pentita :/

  • Rispondi (S)MammaSarita 19 Settembre 2014 alle 16:24

    Se vuoi non ti dico che è normale. E non ti dico neanche che a volte all’inizio sono tutti presi dalla novità, dai giochi nuovi, le canzoni e i bimbi che la mamma non se la fumano proprio e che magari dopo un mese possono andare in crisi. E già che ci sono, non ti dico neanche che è normale che all’inizio e spesso per tutto l’inverno farà un giorno sì e l’altro pure con tosse e naso a muco filante tipo manga giapponese e che può capitare che prenda pure i pidocchi. Io facciamo che queste cose non ti dico che sono normali, eh….però che gli stivali sono bellissimi te lo dico, eh!

    • Ceraunavodka
      Rispondi Ceraunavodka 19 Settembre 2014 alle 18:28

      Vabbe, grazie eh disse ella con gli stivali ai piedi e 27° tutt’intorno

    Lascia un Commento