Naviga tra le Categorie

Ora parlo io

Ora parlo io

Io (non) dico quello che penso

Io alla mamma voglio bene, per carità, però mica è così facile capire quello che pensa.

La settimana scorsa è partita per un viaggio, lontano, per lavoro mi ha detto. E mi ha pure detto che le dispiaceva tanto che io restavo a casa. Anche al babbo ha detto che le dispiaceva e che sperava che noi eravamo felici anche senza di lei. Continua a Leggere

Ora parlo io

NO

La mia mamma e il mio babbo stanno attraversando la fase dei NO. Qualsiasi cosa io stia facendo, state sicuri che loro diranno: “No”. “Pietro, NO”. “NO, non lo fare”. “NO”. “NO, è pericoloso”. Ecco cosa la mia mamma e il mio babbo mi dicono tutto il giorno.

Loro sono cocciuti, dissobbidienti, non stanno mai tranquilli e ad ogni mia proposta di gioco rispondono che NO, non si può fare. La mia mamma e il mio babbo stanno attraversando una brutta fase e io non so proprio come comportarmi con loro. Tutta questa negatività non va bene e con tutti questi NO io non posso scoprire il mondo in santa pace.

Loro dicono NO se io mi arrampico da qualche parte e non capiscono che io sono piccino, non so ancora parlare e se voglio qualcosa me la devo prendere da solo arrampicandomi dato che sono un po’ bassetto. E poi dicono NO se mi metto qualcosa in bocca però, poi, da mangiare mi danno quelle pappete da bambino piccolissimo. Dicono sempre che non vedono l’ora che io cresca e poi fanno di tutto per farmi restare piccolo. 

Io questi grandi proprio non li capisco. Mamma e babbo non vi lamentate se quando imparerò a parlare, anch’io dirò sempre NO. Io vi ho avvertiti.

 

A me piace immaginarla così

Ora parlo io

Pensaci bene mamma

Qualche sera fa siamo stati a cena da un’amica della mamma. A cena c’era anche una bambina piccola che era la figlia dell’amica della mia mamma. Questa bambina piccola, dicevano i grandi, è tanto brava, non piange mai e non vuole nemmeno stare sempre in braccio. Secondo me questa bambina è solo piccola ancora ma i grandi queste cose non le capiscono.

Comunque l’amica della mia mamma, insieme al babbo della bambina piccola, hanno raccontato alla mia mamma e al mio babbo, ma c’erano anche le mie zie ad ascoltare, che la bambina piccola la sera si addormenta da sola senza la ninna nanna cantata dalla sua mamma mentre fa il giro della camera tante volte, come fa la mia mamma. Questa bambina la mettono nel suo lettino e lei dopo un pochino dorme anche se la mamma e il babbo stanno in un’altra stanza. Io queste cose non le volevo proprio ascoltare: è per questo che ho frignato per tutta la cena.

Io lo sapevo che non doveva ascoltare nemmeno la mia mamma ché, alla fine della cena, ha detto, che l’avrebbe fatto anche lei. Con me. Io non ci ho creduto solo che lei ha continuato a ripeterlo per tutto il fine settimana. L’ha detto anche alla nonna che però, me l’ha detto in un orecchio, mica era d’accordo, al nonno, alle zie, a tutti insomma come fa lei di solito.

Anche ieri me l’ha ripetuto tante volte che da lunedì, che sarebbe oggi, anche io sarei finito ad addormentarmi nel mio lettino, da solo e senza passeggiatine intorno al letto. E io mi sono preoccupato. Infatti sapete cosa ho fatto ieri? Mi sono addormentato senza fare storie, appena finito di bere il latte, in braccio alla mia mamma. Non ho fatto la passeggiatina ma almeno ero in braccio e non da solo nell’altra stanza. Spero di averli convinti la mia mamma e il mio babbo che anch’io sono un bambino bravo e che non mi merito tutta quella sofferenza.

Mamma, babbo pensateci bene!

 

A me (non) piace immaginarla così

Ora parlo io

La ricetta per diventare grandi

Ho conosciuto un bambino grande. Questo bambino grande ha un anno e mezzo e, anche se io sono più piccolo lui, ha giocato con me con i suoi giochi da bambino grande. Questo bambino grande che ha un anno e mezzo sa fare tante cose. Sa camminare, sa correre, sa saltare e sa ballare. Continua a Leggere

Ora parlo io

La festa

Sabato sono stato ad una festa. Ci sono andato con la mia mamma e il mio babbo. E poi c’erano anche tutti i miei amici. La mamma e il babbo dicono che quelli sono i loro amici ma non è così. Infatti quando ci sono io loro giocano tutto il tempo con me e, con la mia mamma e il mio babbo, non ci giocano mai. Continua a Leggere